Realizzazione Siti Web e Servizi di Posizionamento nei Motori di Ricerca

Il Castello di Matera


Basilicata: Il Castello Tramontano di Matera

Matera è conosciuta soprattutto per la città vecchia caratterizzata dai rioni Sassi,  scavati nella pietra, rudimentali e al tempo stesso geniali opere d'ingegno edile dell'antichità.

Esiste a Matera, tra i tanti, un altro luogo che val la pena di essere visitato. E' il Castello del Conte Tramontano, che però rimase incompiuto per l'improvvisa morte del nobile proprietario, ucciso nel 1515 dai suoi stessi concittadini stanchi delle continue tasse e balzelli imposti dal conte.

Giovan Carlo Tramontano infatti arrivò a Matera dopo aver vissuto una vita nobile e lussuosa a Napoli, indebitandosi fino al collo. Dell'uccisione, rimane la morale, che si può ritrovare nello stemma ufficiale della città di Matera, nel quale è rappresentato un bue, e sotto l'iscrizione latina “Bos lassus firmius figit pedem”, che tradotta significa che il bue stanco più fermamente affonda il piede, in memoria di quei cittadini pacifici, ma stanchi dei continui sacrifici che hanno dovuto affrontare per pagare i debiti contratti dal signore di Matera Tramontano, che alla fine hanno ucciso colui che teneva il giogo troppo stretto, fino a soffocarli. La storia di Matera non è estranea alle ribellioni a qualsiasi tipi di vessazioni, fu infatti nell'Ottocento fra le prime città ad insorgere contro i Borboni, per il Regno d'Italia.

La forma del castello materano di Tramontano è tipicamente medioevale, un corpo dell'edificio centrale, rotondo, e due torri laterali anch'esse circolari. In principio le torri erano sei, sono rimaste solo le due che prendono il nome di torre di Metello e di Capone, in onore di due illustri cittadini materani. Secondo quanto raccontano gli storici dell'epoca cui risale la costruzione del Castello di Matera, era circondato da possenti mura e da un fossato di roccia naturale che proteggeva la costruzione dai nemici del feudo.

Note legali | Copyright © 1996-2008 Genesi S.r.l. - E-mail info@genesi.it | P.Iva 01680570676